Index-Indice | Oiseaux-Birds-Uccelli | Jeux-Games-Giochi | Autour des oiseaux-Curious Birds-CuriositÓ sugli uccelli |
 
GLI UCCELLI

 

 

 
 
   
 
 
L’alimentazione degli uccelli
   
 

Gli uccelli possono essere:

Carnivori: mangiano altri animali, per esempio la civetta mangia arvicole, topi, toporagni, passeri.


Vegetariani: (erbivori, granivori) mangiano foglie, erbe, semi, noccioli, frutta, legumi, etc.. Esempi: Struzzo, Fringuello.


Onnivori: mangiano di tutto: insetti, frutta, piccoli molluschi, serpenti, etc…Esempio: L’uccello del paradiso d’Oceania, il Tucano.


Necrofagi: Barbagianni, Gufo, Falco, avvoltoio.


 
I becchi
 

A che serve il becco?

Il becco serve ad aprire i semi, a difendersi, a prendere le prede, a costruire il nido, a scavare nella melma o a mangiare l’erba, a pescare, a lisciare le piume, a snidare insetti ed a raccogliere il polline.

Quali differenti colori hanno?

I becchi sono neri, gialli, con striature nere, rosse, di diversi colori.

Qual è la forma dei becchi?

I becchi si adattano al regime alimentare degli uccelli ed al modo con cui prendono gli alimenti.

Un becco può essere lungo ed anche ricurvo per afferrare i vermi e gli insetti che scavano dei tunnels sotto la corteccia degli alberi.

Un becco può essere spesso e forte per rompere i granelli. Un becco spesso e corto serve a prendere i germogli (passero).

 
  Un becco può essere piccolo, ma spazioso. È un’eccellente trappola per gli insetti che gli uccelli prendono in pieno volo (rondinelle-rondoni).
Un becco piatto serve a mangiare piante acquatiche (anatre…).

Un becco lungo ed appuntito serve a prendere pesci, rane…(airone).
Un becco curvo serve a tagliuzzare le prede (rapaci).

 

Il becco degli uccelli è fatto di cheratina come le nostre unghie e capelli. Esso si consuma e ricresce ininterrottamente.

 

Le piume

Le peluria e le piume


Le peluria forma uno strato isolante, le piume piccole disegnano la forma aerodinamica del corpo.
Peluria: insieme di piccole piume flessibili e molto leggere che coprono gli uccelli e il ventre degli adulti. Le piume della peluria a sbuffo si trovano sulla pelle dell’uccello. Esse trattengono l’aria che mantiene il caldo. Le piume della coda servono al volo e da timone.
Le piume sono formate da una rachide flessibile e concava che facilita il volo dell’uccello.
La piuma è spesso impermeabile grazie ai filamenti ed alle barbule che sono attaccate le une alle altre. Le piume di alcuni uccelli, come il cormorano, non sono impermeabili.
Le piume sono costituite di cheratina, come le nostre unghie ed i capelli; esse hanno una rachide centrale.
Gli uccelli lisciano le piume con il loro becco per liberarsi dalla polvere e dagli insetti.

 

 

 

Il volo

Quasi tutti gli uccelli sono capaci di volare.

Gli uccelli praticano il volo Battuto: l’aria è dunque spinta verso dietro e verso il basso con l’abbassamento delle ali, ciò che spinge l’uccello in avanti ed in alto.
I Planari sono degli uccelli che utilizzano le loro ali allo scopo si spingersi. Quando l’altezza e la velocità desiderate sono aggiunte, questo tipo di uccello è in grado di planare e di volare nell’aria, servendosi delle correnti più calde.
I Remiganti sono degli uccelli che per volare sono costretti a battere le ali costantemente; questa tecnica presenta degli svantaggi e dei vantaggi. Il fatto di battere le ali ininterrottamente causa spreco di energia e rende il corpo più sensibile al movimento dell’aria. Questa tecnica, però,permette il decollo verticale ed il volo stazionario.

 

 

   
 

 

Riproduzione

Gli uccelli sono degli animali ovipari, essi depongono le uova. Il maschio e la femmina si riproducono in primavera e costruiscono il nido.

Il nido

Serve per deporre le uova e per proteggere i piccoli ma non tutti gli uccelli hanno lo stesso nido. Esso serve unicamente a proteggere le uova e i piccoli ma non serve per dormire.


La costruzione di un nido


Gli uccelli fabbricano i loro nidi con ogni sorta di materiale: rametti, muschio, erbe, canne, fango, licheni, piume, crini…
La costruzione è alquanto difficile, avviene in due tappe: la raccolta del materiale necessario e l’assemblaggio del nido.

 

 

 

Gli uccellini

 

Alcuni uccellini nascono coperti di peluria e con gli occhi aperti. Essi lasciano il nido fin dallo schiudimento, seguono i loro genitori e cercano il cibo. È il caso delle anatre, delle oche e dei cigni. Invece le cince nascono nude e con gli occhi chiusi.

 

 

 

Per nascere

Per nascere gli uccelli hanno una strumento speciale, una punta dura alla fine del becco, il “diamante”, che cade qualche giorno dopo l’uscita dal guscio.

Perché gli uccelli cantano?

 

 

Gli uccelli hanno un linguaggio che permette di comunicare tra loro! A volte questo linguaggio è così bello da ascoltare in quanto assomiglia ad una canzone.
Un maschio canta per attirare una femmina o per scacciare gli altri maschi dal proprio territorio.
Esso può cantare anche per avvisare i propri amici di un pericolo (come la presenza di un gatto).
Alcuni uccelli hanno un grido particolare per annunciare di aver trovato da mangiare. E ci sono quelli che cantano solo per il piacere di cantare senza dover esprimere un bisogno particolare.

 

 

L’ambiente degli uccelli

 

La maggior parte degli uccelli non rimane sempre nello stesso luogo.Periodicamente essi compiono delle migrazioni più o meno lunghe, secondo le specie, al fine di poter godere al massimo della gradevole temperatura.

 

Records

L’uccello più grande è lo struzzo che misura fino a 2,5 metri e pesa circa 130 Kg.
L’uccello più piccolo è l’uccello mosca, il colibrì di Hélène. Esso misura appena 2,5 cm di lunghezza.
Il gruppo dei passeracei comprende più di 5700 specie.

 

 

Famiglie degli uccelli

 

Esistono numerose famiglie di uccelli. Eccone alcune:

 

Gli anatidi: questa famiglia comprende le anatre, le alzavole, le fuligole, etc.
Essi hanno generalmente un becco piatto tondeggiante.

 

Pic vert, Hungerford, Angleterre, 09/2003

I picidi: questa famiglia conta 214 specie di picchi tra cui il picchio di mare, i picchi cerdi, i picchi tridattili, etc.
Il becco forte permette loro di bucare la corteccia degli alberi.

I turtidi: questa grande famiglia raggruppa numerose specie quali : Il pettirosso, i codirossi, la monachella massaiola. Essi spesso camminano, saltellando, come fa il merlo ( Turdus merula e il pettirosso.)

Turdidés,, Merle noir, 07/2003

Merlo

Labbe parasite, Ekkeroy, Varanger, 07/1994

Cinclidi: Fra cui il merlo acquaiolo (Cinclus cinclus)

 


Esistono molte famiglie di uccelli. Eccone alcune:

Anatidae: questa famiglia comprende: oche, anatre, alzavole, smerghi.
Il becco, ricoperto da una pelle molle, tranne che all’estremità, possiede una funzione trattile molto importate durante la ricerca del cibo.

Scolopacidae: questa famiglia comprende le beccacce, i totani, i piovanelli.
Le beccacce hanno il becco lungo quanto il capo; i totani hanno il becco di dimensioni modeste. I piovanelli hanno un becco a spatola, la cui punta è allargata.

Fringillidae: questa famiglia comprende 372 specie.

Ricordiamo: il fringuello, il cardellino, il verdone, l’ortolano, lo zigolo.Il becco varia, è generalmente corto e massiccio.

Ciconidae: le specie sono 19: cicogne, ansatomi, marabù, jaribù, tantalo.
I ciconidi hanno un potente becco lungo e appuntito.

Accipitridae: appartengono a questa famiglia gli astori, gli sparvieri, i bianconi, gli avvoltoi, i nibbi. Questa famiglia comprende 208 specie.
Il becco è appuntito e uncinato.

Podicipedidae: questa specie comprende 18 specie.
Il becco è sottile e diritto o leggermente volto all’insù ed in altri casi più corti e spesso.

Relazioni tra uomini ed uccelli

L’inquinamento

Gli uccelli sono uccisi a causa della nafta delle maree nere. Con i prodotti chimici ed i fertilizzanti gli uccelli si avvelenano.

Distruzione dell’ habitat da parte dell’uomo

In Amazzonia, i nidi di uccelli sono distrutti, perché ingrandendosi i territori degli uomini riducono e distruggono gli habitat degli uccelli.

La caccia 

Molti uccelli sono uccisi per essere mangiati. Per esempio Fagiano, pernice, piccione. Si chiama "uccellagione" la cattura degli uccelli selvatici vivi con trappole e reti.